Glenys e l’Equilibrio                                            Sferico del Tempo

        

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

       

         Crediti

 Glenys & l’Equilibrio Sferico del Tempo

 Ivery Williams*

               

  Immagine di copertina: © Serena Zen

  Acrilico su cartone telato

 *Pseudonimo non registrato

  E-mail: thewriterswhisper@gmail.com

  ISBN 979-12-200-4036-5 

  Copyright © 2019 Daniele Butturini

  Tutti i diritti riservati all’Autore

  Nessuna parte di questo libro

  può essere riprodotta senza il preventivo     

  assenso dell’Autore

  Libro stampato presso Consorzio 

  Artigiano L.V.G. Srl di Azzate (Va)

Glenys e l'Equilibrio Sferico del Tempo

     Illuminato dalla luce notturna, l’esercito delle ombre si mosse alla volta del Sottocorno, mentregli amministratori del regno, segnando il rapporto di infrazione, misero in moto il complesso meccanismo di difesa. Quando l’equilibrio delle forze veniva ingiustificatamente infranto, gli amministratori avevano il compito di ristabilirlo, ma questa volta qualcosa sembrava impedire il ritorno alla normalità.

     « Senza uno dei tre gradi, l’equilibrio sferico perde il senso del suo spazio, ed il vuoto, là dove era stabilito che fosse, perde il suo seggio stabile nel tempo. » Così a Clypso, il piccolo omolo inviato da Martin, capitò di sentir dire all’Anziano del Gran Consiglio raccolto in seduta privata ed ebbe inizio ogni cosa che in seguito sarebbe accaduta.

     Sotto le pendici del Sottocorno, Cloelius, l’anziano del Gran Consiglio si fermò assente davanti al campo di battaglia ancora vuoto, mentre il vento prese a soffiare. Con lui gli amministratori del regno si erano riuniti di fronte al campo dei monoliti. L’equilibrio scomposto si vedeva ora riflesso nella grande costruzione di pietra. L’anziano sapeva da sempre che quel          momento sarebbe arrivato e così iniziò a fare ciò  a cui era sempre stato preparato a fare. Prese la chiave che teneva al collo e si girò verso gli amministratori, in attesa di ricevere le chiavi omologhe alla sua. Insieme le tre chiavi componevano il simbolo della spirale di Durrow. L'anziano depose così la spirale in un impronta di pietra nel monolite. Per un attimo non successe nulla, poi la terra iniziò a tremare sotto di loro, mentre l'intera struttura lapidea, si issò salendo verso l'alto. La città sepolta affiorò da sotto i loro piedi, mentre una luce scaturiva            dal cielo, coperto fino a pochi istanti prima. Le alte mura, ora apparivano come l'ultimo baluardo a difesa delle Terre Libere di Hera. Tutto sarebbe stato deciso su quel campo, o così immaginavano che sarebbe accaduto.  ( ... )

Nella sotto-cartella Romanzo in Pdf, è possibile scaricare la versione completa, oppure cliccando il link quì sopra.

Clicca qui il link per la Recensione su Google Libri.